Luciano Pavarotti Nessun dorma Contenuti: lessico e sinonimi, modo imperativo e pronomi



Yüklə 107,5 Kb.
tarix18.05.2017
ölçüsü107,5 Kb.

Luciano Pavarotti - Nessun dorma


Contenuti: lessico e sinonimi, modo imperativo e pronomi

Livello QCER: B1

Tempo: 60 minuti

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––


Dal 1970 alla fine degli anni ottanta, l’Italia attraversa una grande crisi economica, sociale e politica. Diventa un Paese moderno e industriale, collabora alla costruzione e allo sviluppo della Comunità Europea, entra a far parte degli 8 grandi Paesi del mondo (il G8), i giovani e le donne partecipano sempre più alla vita economica e culturale del Paese.

Nel 1990, la crisi si può definire superata. L’economia riprende a volare, il Made in Italy è in tutto il mondo, Roma ospita i Campionati del mondo di calcio e l’Italia vince la Coppa del Mondo.






La voce che accompagna questo straordinario momento sportivo, ma anche di rinascita dell’Itala, è quella di Luciano Pavarotti che canta ‘Nessun dorma’, dalla Turandot di Giacomo Puccini.

Luciano Pavarotti (1935 –2007) è stato un tenore italiano tra i più apprezzati in tutto il mondo, sia per le indubbie qualità vocali quanto per l'impegno profuso in campo sociale. Pavarotti mostra fin da bambino un talento naturale per il canto, ereditato forse dal padre. Egli cantava nella corale della sua città ma per mantenere la famiglia faceva il panettiere.

Luciano Pavarotti diventa poi insegnante ma continua a studiare canto finché vince un concorso internazionale e debutta subito dopo a Reggio Emilia con la Bohème di Puccini. Da quel momento si susseguono solo successi. Canta le opere più famose al Covent Garden di Londra diretto dal maestro Erbert von Karajan, poi negli Stati Uniti, poi in tutti i più grandi teatri del mondo. Con il Pavarotti & Friends e le sue numerose collaborazioni (fra le quali è da ricordare in particolare la costituzione del gruppo de Tre Tenori, con Plácido Domingo e José Carreras), ha consolidato una popolarità che, anche al di fuori dell'ambito musicale, lo ha condotto in tutto il mondo. (da Wikipedia)

Ascolta una o due volte l’aria dalla TURANDOT di Giacomo Puccini



http://www.youtube.com/watch?v=TOfC9LfR3PI



Giacomo Puccini, il più grande compositore dopo Giuseppe Verdi, nasce a Lucca nel 1858 da una antica famiglia di musicisti. Ha lasciato dei capolavori musicali come Turandot, Manon Lescaut, La Bohème, Tosca, Madama Butterfly, La Fanciulla del West.

Muore a Bruxelles nel 1924.



Attività 1 - Cantate l’aria di Nessun dorma’, seguendo il testo
Attività 2 - Cloze: Completare il testo inserendo negli spazi vuoti le parole mancanti
Nessun dorma, Nessun dorma!

Tu pure, o…………………….,

nella tua fredda stanza,

guardi le stelle

che ………………..d'amore e di speranza.

Ma il mio ………………….è chiuso in me,


il nome mio nessun saprà!

No, no; sulla tua …………….lo dirò

quando la luce splenderà!

Ed il mio …………….scioglierà il silenzio

che ti fa mia!

(Coro) Ma il nome suo nessun saprà e noi dovremo………….. morir!

Dilegua, oh notte, tramontate stelle, tramontate stelle,

all’………… vincerò, vincerò, vincerò….
Attività 3 - Riordinare le righe del testo che adesso sono quasi tutte in disordine
1. Tu pure, o Principessa,

2. guardi le stelle

3. nella tua fredda stanza

4. che tremano d'amore e di speranza.

5. Ma il mio mistero è chiuso in me,

6. Nessun dorma, Nessun dorma!

7. il nome mio nessun saprà!

8. quando la luce splenderà!

9. No, no, sulla tua bocca lo dirò

10. Dilegua, oh notte, tramontate stelle, tramontate stelle,

11. Ed il mio bacio scioglierà il silenzio che ti fa mia!

12. Ma il nome suo nessun saprà e noi dovremo ahimè morir!

13. all’alba vincerò, vincerò, vincerò….











































Attività 4 - Con l’aiuto del dizionario, abbinate una parola della colonna di sinistra con il suo sinonimo della colonna di destra


1. Terribile

a. Rispettare

2. Sposo

b. Scoprire, trovare

3. Antenata

c. Marito

4. Prigioniera

d. Ava

5. Indovinare

e. Potere

6. Rifiutare

f. Le prime ore del giorno

7. Alba

g. Dire di no, non accettare

8. Riuscire

h. Non libera

9. Mantenere

i. Cattiva

10. Segreto

l. Cosa che non si può dire



Attività 5 - Leggete il seguente testo una o due volte, anche con l’aiuto del dizionario


La terribile principessa Turandot deve scegliere il suo sposo ma, in memoria di una sua antenata finita prigioniera di un principe straniero, decide di vendicarne la memoria; presenta, ai diversi principi che vogliono sposarla, tre indovinelli impossibili da risolvere, di modo che finiscono tutti a morte.

Un principe sconosciuto risolve i tre enigmi, ma Turandot rifiuta di sposarlo. Allora lui stesso presenta a Turandot un indovinello: se lei scoprirà il suo nome prima dell’alba, allora lui morirà. Se il principe riuscirà a mantenere il suo segreto tutta la notte, allora Turandot dovrà sposarlo.






Un bozzetto e il costume di Turandot


La grammatica!

Il modo imperativo dei verbi regolari delle tre coniugazioni
ascolt a re legg e re part i re

___________________________________________________________

io --- --- ---

tu ascolt a ! legg i ! part i !

lui/lei --- --- ---

noi ascolt iamo ! legg iamo ! part iamo !

voi ascolt ate ! legg ete ! part ite !



loro --- --- ---

___________________________________________________________
Nella lingua italiana, non esiste l’imperativo per le forme di cortesia Lei e Loro; quando vogliamo invitare un/a Lei o Loro a fare qualcosa, usiamo il verbo al Congiuntivo: Signora, venga!! Signori, si siedano!!
Solo la seconda persona del modo imperativo ha alcune forme irregolari:
Esci subito, non vedi che è tardi?(uscire)

Bevi l’acqua se hai sete! (bere)

Finisci subito l’esercizio! (finire)

Va’ casa a studiare! (andare)

Di’ sempre la verità! (dire)

Fa’ subito questo lavoro! (fare)

Da’ una mano ai tuoi amici! (dare)

Sta’ zitto, voglio pensare con calma! (stare)
Osservate l’apostrofo dopo alcuni imperativi alla seconda persona singolare (dici→ di’, fai→ fa’)

Attività 6 - Completare le seguenti frasi mettendo all’imperativo il verbo fra parentesi (il pronome soggetto serve per comprendere il significato della frase ma non si scrive)


  1. ……………… (tu, stare) zitto, non vedi che lavoro?

  2. ………………. (tu, andare) in farmacia a prendere l’aspirina, ho mal di testa!

  3. ……………….. (tu, leggere) questo articolo di giornale, è interessante!

  4. ……………….. (tu, finire) subito i tuoi esercizi!

  5. ……………….. (tu, dire) sempre la verità!

  6. …………………(tu, fare) il tuo lavoro e basta!

  7. ………………….(tu, dare) il libro a Paolo!

  8. .…………………(voi, guardare) quel film, è molto bello!

  9. .………………….(noi, partire) subito!

  10. ….………………(voi, studiare) la lezione di domani!

  1. ………………….(voi, prendere) la penna e …………..(voi, scrivere)!

  2. Gli spaghetti sono pronti, prego,……………….(voi, venire) a mangiare!



La grammatica!

Il modo Imperativo e i pronomi.
Nella lingua italiana il pronome, semplice o combinato, si trova sempre prima del verbo o dell’insieme verbale.
Ess. Scusa, mi passeresti il vino?

Domani Maria ha bisogno della macchina? Gliela presto io!
Ma l’imperativo è uno dei cinque casi eccezionali della lingua italiana in cui il pronome, sia semplice che combinato, si trova dopo il verbo.
Ess. Telefonami stasera, ti devo parlare.

Mi servirebbe il dizionario, passamelo per piacere!

Gli serve del denaro; prestiamoglielo!
Come si può notare, la forma dell’imperativo non varia; molto semplicemente il pronome o la coppia di pronomi si attaccano dopo il verbo al modo imperativo.

Attività 7 - Completa le frasi secondo il modello:
Tu passa a me la penna Passamela!

Mangia questi spaghetti Mangiali!


Tu scrivi a me il tuo indirizzo.

………………………………………………

Voi date a me la chiave della macchina

………………………………………………

Tu prendi la macchina

………………………………………………

Voi prendete subito questo autobus

………………………………………………

Noi scriviamo una mail al professore

………………………………………………


Yüklə 107,5 Kb.

Dostları ilə paylaş:




Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©azkurs.org 2020
rəhbərliyinə müraciət

    Ana səhifə